Il trucco minerale

Il trucco minerale da qualche tempo occupa sempre di più post sui blog e negli spazi dedicati alla bellezza. Che cosa sia esattamente, quale uso se ne fa e come si può evitare di farsi raggirare da “falsi mineral” è presto detto.

Il trucco minerale è pigmento: colore nell’accezione più pura del termine, ottenuto dalla polverizzazione con specifiche tecniche di minerali che vengono resi cristalli piatti per permettere una perfetta aderenza alla pelle. Non presentano quindi presenza di altre sostanze che invece vanno ad appesantire i cosmetici tradizionali, come derivati dal petrolio, profumi e conservanti. Tantomeno di altre sostanze pericolose per la salute, come piombo nei rossetti e mercurio nel mascara, cosa che invece succede, appunto per i trucchi non minerali.

Come i trucchi biologici, anche questi non vengono testati sugli animali, né contengono nichel o altri allergeni.

Il trucco minerale, alla prova dei fatti, si presenta quindi come una polvere libera: se così non fosse diffidate…perché non è mineral make-up! Può essere utilizzato in maniere differenti…che lo si stenda con le dita, con spugnette, pennelli o sfumini, che lo si usi liquido, secco o in crema, la sua resa è comunque garantita. Pur riuscendo a coprire bene le imperfezione non soffoca la pelle, come invece tanti trucchi tradizionali, e può essere modulato man mano che lo si applica, scegliendo la gradazione di colore che più si addice al viso. Il trucco ottenuto dura tutto il giorno, ed in commercio è possibile trovare i prodotti tradizionalmente utilizzati ma creati su base minerale, come fondotinta, correttore, cipria, ombretto e via dicendo. Pur non contenendo conservanti, se mantenuto al riparo dalla luce e in luogo asciutto questa tipologia di trucco può durare per parecchio tempo.

Ma come si applica esattamente?

Per il fondotinta, il blush o la terra è necessario mettere una piccolissima parte della polvere da applicare in un piattino, o nel coperchio del cosmetico. Si appoggia il pennello e con un movimento circolare si raccoglie la polvere necessaria, si batte il manico sul bordo per far cadere quella di troppo e lo si applica con movimenti circolari fino a raggiungere il grado di copertura/colore desiderato. L’ombretto può essere applicato con un pennellino, e può essere opaco, perlato o glitteraro; qualora lo si volesse usare come eye-liner è sufficiente mescolarlo all’acqua

Questo materiale è estremamente versatile, e può essere aggiunto al altri cosmetici per dare colore, o ravvivare quello che già hanno, come uno smalto o un gloss. Si può inoltre partire da una palette originaria per creare, attraverso l’unione di più colori, delle nuance praticamente uniche.

Se non si fosse ancora convinte di passare a questa tipologia di cosmetici, si possono effettuare degli “esperimenti”: ordinare piccolissimi campioni con cui poi constatare l’effetto sul proprio viso. Spesso avvengono promozioni per le nuove linee, e anche in questo caso è possibile farseli spedire a prezzi inferiori a quelli di routine. L’acquisto viene fatto ancora molto on-line, e in rete si trovano le offerte più interessanti.

Grazie al mineral make-up si apre quindi una via decisamente affascinante:  bellezza e salute, legate indissolubilmente, grazie a questi preziosi e coloratissimi cristalli