Categorie
Blog

Come distinguere un vero trucco biologico

L’interesse per i prodotti cosmetici biologici è aumentato nel corso degli anni, poiché la scelta dei prodotti, degli imballaggi e dei processi di produzione ha un grande impatto sull’ambiente e sulle persone. Il consumatore è sempre più attento a scegliere prodotti sani per sè stesso e per l’ambiente, poiché rispetta processi di produzione naturali, senza utilizzare sostanze nocive per l’uomo e il terreno.

La cosmesi biologica si basa sulla formulazione di prodotti che utilizzano ingredienti coltivati ​​biologicamente e non derivati dal petrolio quali paraffina, formaldeide e coloranti di origine sintetica. Questi ingredienti sono coltivati ​​senza l’uso di organismi geneticamente modificati (OGM), erbicidi, fertilizzanti sintetici e altro ancora. Allo stesso modo gli ingredienti naturali non devono essere modificati chimicamente una volta che si va a creare il prodotto.

Trucco biologico: imparare a leggere l’etichetta
Alcune aziende di cosmesi producono prodotti con parabeni e materie prime non biologiche e sostenibili, mentre altre aziende hanno fatto del biologico il loro core business. Entrambe le aziende nell’etichetta potrebbero scrivere che il loro prodotto è naturale, basta avere una piccola percentuale di ingredienti del tutto naturali, ma ciò non sarà sinonimo di prodotto biologico. È quindi importante fare attenzione a quello che viene dichiarato nell’etichetta del trucco, lì risiedono le informazioni più importanti.

Le etichette sui cosmetici possono essere utilizzate per riconoscere in modo affidabile prodotti cosmetici naturali certificati. Sulle etichette dei prodotti biologici, possiamo trovare una certificazione che stabilisce come quel determinato prodotto abbia rispettato lo standard richiesto. Questa certificazione viene rilasciata da un organismo di certificazione accreditato.

La certificazione mira a controllare gli ingredienti, i processi, la filiera di produzione, lo stoccaggio delle materie prime, l’imballaggio, l’etichettatura, l’uso delle risorse energetiche e la gestione dei rifiuti nonché la certificazione dei produttori per garantire la qualità del prodotto finale. Ciò significa che le agenzie di certificazione impongono standard che devono essere rispettati dall’industria di produzione per essere in grado di garantire la qualità del prodotto finale.

Cosmetici bio: l’importanza della certificazione
Al momento attuale non c’è alcuna legge che definisca quando un prodotto è biologico, non esistono quindi regole ferree. Un vero trucco biologico sarà tale quando possiede una certificazione garantita da un ente riconosciuto e ha superato severi controlli.

Per poter essere considerato biologico, un prodotto deve contenere almeno il 95% dei prodotti biologici nella formulazione, quindi, non dobbiamo trovare l’utilizzo di componenti chimiche, benchè il 5% restante sarà composto da emulsionanti e conservanti. Per essere certi però, di non essere ingannati, il prodotto dovrà essere certificato da uno degli enti accreditati.

I più importanti sono l’Associazione Italiana per l’Agricoltura Biologica (AIAB), la CCPB che controlla l’origine degli ingredienti e l’ICEA, che controlla l’uso delle materie prime, ma anche l’imballaggio. Ogni prodotto biologico possiederà sulla sua etichetta il bollino di certificazione di uno di questi enti.