Categorie
Blog

Trucco biologico per le labbra, i prodotti consigliati

Adottare il trucco biologico per le labbra è, a pensarci bene, un ritorno al passato: la valorizzazione dell’eco-sostenibilità e del rispetto dei ritmi della natura ha caratterizzato, infatti, l’ultimo quarto di secolo.

Sono sempre di più le donne alla riscoperta di questi valori, indipendentemente dalla provenienza e dalla fascia di età. Partendo dai cibi e dai detersivi per la casa, il campo di applicazione del bio ha trovato estensione nella cosmesi.

Dalla skincare al make-up, si tratta di prodotti che non hanno nulla da invidiare ai concorrenti di sintesi, in quanto soddisfano alti standard qualitativi.

Trucco biologico per le labbra: requisiti

Quella labiale è una zona delicata, innervata e ricoperta da uno strato corneo sottilissimo: bastano delle alterazioni minime per danneggiarlo. Per tale ragione, anche la scelta degli articoli per il make-up non può e non deve essere avventata.

Prima di proseguire nella lettura occorre chiarire, in breve, la differenza tra cosmetico naturale e bio. Il primo contiene ingredienti vegetali (anche in basse percentuali), mentre il secondo segue una filiera particolare, che non prevede uso di OGM o di materie di sintesi.

In breve tempo, le aziende sono riuscite ad elaborare e ad affinare le tecniche di produzione. Le proposte attualmente sul mercato sono durature, hanno un basso INCI e qualità al di sopra della media: in tal modo soddisfano egregiamente le esigenze delle consumatrici.

In coerenza con il rispetto per l’ambiente, sempre più imprese puntano anche sulla sostenibilità del packaging. Il materiale di molte confezioni assomiglia alla comune plastica, ma è derivato dal mais. In alternativa. si usano le risorse provenienti dal riciclo, per contrastare l’inquinamento.

Alla luce di ciò, il prezzo finale risulta competitivo perfino rispetto ai cosmetici di fascia alta che si trovano nelle farmacie o nelle profumerie. In più, possiedono un’idonea certificazione bio e non sono testati sugli animali.

Matite e rossetti per un make-up perfetto

L’assortimento di colori soddisfa tutte le donne, anche quelle allergiche al nichel, a condizione che richiedano espressamente dei prodotti che non lo contengano.

La matita è l’elemento da cui partire: garantisce la tenuta del trucco e non lo fa sbavare. Contiene cere vegetali e oli naturali (d’oliva, di mandorla, di cocco, di ricino, etc…) che devono figurare come primi ingredienti nell’INCI.

Si sceglie in tinta con la base, più chiara di un tono per dare volume o, viceversa, più scuro per rimpicciolire le labbra. La variante trasparente è perfetta per chi ha delle piccole rughe sul contorno, poiché non crea antiestetici depositi di colore.

I rossetti bio hanno un aspetto madreperlato ed illuminano perfino i visi stanchi o non più giovani. Possiedono una texture confortevole, non seccano la zona e ne bastano piccole quantità per un risultato visibile.

Inoltre garantiscono un’ottima tenuta, tanto da non richiedere l’uso di un primer. Tuttavia, nel caso in cui si preferisse acquistarlo, è meglio puntare su preparati senza siliconi.

Per concludere, un piccolo consiglio da mettere in pratica prima di ogni operazione di make-up: disinfettare le mani con una soluzione a base d’acqua e tea tree oil.